IL VILLAGGIO SINTI Un ghetto costato quasi tre milioni

I nomadi arrestati ieri venivano quasi tutti a Mestre, nelle villette costruite e messe a loro disposizione dal Comune di Venezia. Contro la realizzazione delle abitazioni, costate all'amministrazione allora guidata da Massimo Cacciari 2.800.000 euro, si era più volte mobilitata la Lega Nord, che aveva organizzato occupazioni del cantiere nel 2008 e nel 2011. «Sono cittadini veneziani ma sono sinti e bisogna tutelarli», diceva Cacciari nel 2008 a chi gli chiedeva come mai i nomadi non venissero inseriti nelle normali graduatorie per le case popolari.