In volo con iPad, Kindle e smartphone

«Tutti i dispositivi elettronici devono restare spenti fino alla fase di crociera»: questa frase pronunciata ad ogni decollo dall'assistente di volo potrebbe presto diventare cosa del passato. La Federal Aviation Administration si prepara ad autorizzare l'uso di iPad, Kindle e smartphone in tutte le fasi del volo, dalla chiusura delle porte dell'aereo al momento dell'atterraggio. La decisione definitiva verrà presa in autunno ma in questi giorni una commissione ad alto livello della agenzia federale americana sta elaborando la raccomandazione di liberalizzare a bordo i vari gadget, telefonate da cellulari escluse. La bozza ottenuta dal Wall Street Journal non parla dei telefonini perchè la Faa non ha autorizzato i commissari ad affrontare ancora questo argomento.
I particolari del documento sono ancora in discussione e il testo potrebbe cambiare fino all'ultimo momento anche perchè la Faa ha chiesto in extremis alla task force di condurre un'ultima analisi sulla sicurezza, ma a leggere il quotidiano dell'alta finanza la bozza riflette la consapevolezza che le regole attualmente in vigore, che risalgono agli anni Sessanta, sono cosa del passato.
«L'industria dell'elettronica da consumo è esplosa», si legge nel rapporto e la posizione attuale dell'Faa che delegava alle singole aerolinee la possibilità di autorizzare o meno l'uso del gadget a bordo «non sta più in piedi».
Nella realtà le compagnie aeree hanno finora adottato le linee guida federali che raccomandavano lo spegnimento di smartphone, computer e e-reader nelle fasi di decollo e atterraggio. L'ente aeronautico americano è stato costretto ad agire anche perchè il numero dei passeggeri che consapevolmente o involontariamente rompono la regola è drammaticamente aumentato: secondo un recente studio dell'industria elettronica quasi un terzo dei passeggeri di voli aerei ha lasciato accidentalmente acceso un gadget almeno una volta durante un viaggio. Eliminare le restrizioni rappresenterà un cambiamento epocale per chi si sposta in aereo e che sempre meno sopporta limitazioni all'uso di dispositivi elettronici: celebre il caso dell'attore Alec Baldwin che nel 2011 fu fatto scendere da un jet perchè si era rifiutato di spengere il cellulare su cui stava giocando a «Scarabeo».