Zaia vuole dare il Nobel all'isola dei rifugiati

Tutto avevamo immaginato tranne che un leghista volesse conferire il premio Nobel all'isola dei rifugiati. Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia (nella foto) è a favore, «senza se e senza ma», della candidatura di Lampedusa al Nobel per la pace. Lo dice in un'intervista ad Avvenire, quotidiano che ha rilanciato la proposta, sottolineando che si impegnerà affinché si sostenga questa iniziativa in maniera trasversale, anche in Parlamento. Nel caso di Lampedusa, spiega, verrebbe «premiata una intera popolazione che con pazienza, umanità, solidarietà e condivisione affronta ogni giorno quella vergogna mondiale che è il flusso dei nuovi schiavi». Sarà la visita sull'isola di Papa Francesco o forse le inaccettabili offese del vicepresidente del Senato Roberto Calderoli al ministro per l'Integrazione Cècile Kyenge, fatto sta che Zaia ha annunciato di togliere la delega all'assessore ai flussi migratori, Daniele Stival, che aveva pubblicato un post offensivo nei confronti del ministro nero. Una Lega dal volto diverso.

Commenti

marcoghin

Sab, 20/07/2013 - 12:59

Allora Presidente alla prossima campagna elettorale prepari i manifesti con la sua faccia sorridente e la scritta: "Prima i Lampedusani".