Interrogazione Pd lancia il rischio su appalti mafiosi

«Bisogna lavorare per scongiurare il rischio d’infiltrazione mafiosa per la gestione, il controllo degli appalti e i contratti di Expo 2015». È questo l’allarme contenuto in una interrogazione parlamentare presentata dai deputati del Partito democratico Vinicio Peluffo, membro della Commissione Attività Produttive e dall’onorevole Marco Minniti, ministro ombra dell’Interno del Pd. L’iniziativa dopo le notizie trapelate su un’indagine avviata dai magistrati della Procura di Busto Arsizio che hanno aperto un fascicolo sui contatti già avvenuti tra esponenti della famiglie malavitose e alcuni politici. Materiale molto delicato che è perciò destinato a essere trasferito alla procura distrettuale antimafia di Milano che proseguirà le indagini. Il rischio di infiltrazione mafiosa negli appalti in vista dell’Expo 2015, si legge nell’interrogazione «appare molto concreto. Chiediamo al governo di conoscere quali iniziative intenda intraprendere affinché si scongiuri la possibilità d’infiltrazione da parte di organizzazioni mafiose e se non ritenga opportuno, vista la mancanza di una governance dovuta al ritardo nell’emanazione del decreto, prevedere un organismo di controllo che vigili sugli appalti e i contratti».