Interventi Il Vaticano metta fine a quest’ipocrisia

A Farinella non basta più offendere il Premier, adesso definisce tutti noi elettori del Popolo della Libertà «malati con diagnosi disperata». Come può definirsi sacerdote una persona che, anziché predicare fede e amore, incita all’odio arrivando a chiedere a Gesù Bambino di eliminare Berlusconi? Ci chiediamo che cosa debba ancora dire per convincere il Vaticano a scomunicarlo e restituirlo allo stato laico. Ci chiediamo anche come possano i fedeli della sua parrocchia accettare un simile «pastore». Ci chiediamo infine che cosa aspettino l’onorevole Scandroglio ed il ministro Scajola a sporgere denuncia per istigazione alla violenza, visto che non c’è un magistrato che ritenga di intervenire in prima persona.

Su Milingo il Vaticano ci ha messo un bel po’ di tempo, ma alla fine ha preso le uniche decisioni possibili; in passato per azioni molto meno gravi, che poi si sono risolte, era stato molto più rapido e determinato.
Ma tutto è bene quel che finisce bene!
Aspettiamo qualche decisione anche verso preti al limite - per essere caritatevoli - dell'eresia: ogni riferimento al sac. Farinella di Genova è puramente casuale!
Clemente Carlo Kaiser