Intesa chiude il «buy back» per Carifirenze

da Milano

Intesa Sanpaolo ha
terminato il riacquisto di azioni proprie autorizzato dall’assemblea del 2 ottobre, da usare per l’acquisto di Carifirenze. La banca milanese indica per i primi mesi del 2008 la permuta delle azioni e la successiva Opa sull’istituto fiorentino, una volta ottenute le autorizzazioni Antitrust e Isvap (Banca d’Italia ha già autorizzato). Il «buy back» ha riguardato il 3,36% del capitale di Intesa Sanpaolo (398.904.617 azioni ordinarie) per un esborso di 2,15 miliardi di euro più 60,6 milioni per il regolamento del contratto di equity swap legato alle azioni e per le connesse commissioni.