Intesa tra Comune e Regione sulla raccolta differenziata

IL VERTICE All’incontro hanno partecipato il sindaco Alemanno e il governatore Marrazzo

Accordo raggiunto tra il comune di Roma e la Regione Lazio per portare la raccolta differenziata nella Capitale al 35 per cento o, nell’ipotesi migliore, al 45 per cento%, entro il 2013. L’intesa è stata raggiunta ieri sera nel corso di un incontro durato circa due ore tra il presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo e il sindaco di Roma Gianni Alemanno. Al vertice hanno partecipato anche l’assessore capitolino all’Ambiente Fabio De Lillo e il suo omologo regionale Filiberto Zaratti.
Secondo i conti del Campidoglio, per raggiungere i due obiettivi entro il 2013 serviranno 12 milioni di euro per il 35 per cento di differenziata; mentre nel secondo anno la forbice si allarga e per raggiungere il 35 per cento serviranno 20 milioni di euro che diventerebbero 27 milioni di euro se si riuscisse ad arrivare al 45 per cento. Per arrivare al 2013 servirà un incremento di costi netti di 12 milioni di euro in entrambi i casi. Una tabella di marcia, quella proposta da Alemanno a Marrazzo su cui la Regione si è detta d’accordo per i primi due anni salvo verifiche periodiche su tutti i numeri e i conti fatti dal Campidoglio. Per questo la Regione Lazio mette a disposizione - ha assicurato Marrazzo - 12 milioni di euro per il 2009 e 27 milioni di euro per il 2010.
C’è chi sostiene, però, che la Regione dovrebbe sostenere gli investimenti strutturali necessari per la differenziata che richiederebbero cifre ben più consistenti, superiori ai 100 milioni di euro. La Regione, invece, almeno per i primi due anni, non scucirà più di 12 milioni. «Gli scenari proposti dal sindaco Gianni Alemanno ci sembrano realistici - ha detto il presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo, a conclusione dell’incontro con il primo cittadino della capitale - ci aggiorneremo a metà gennaio per discutere invece delle altre due questioni aperte: la discarica e l’impianto».
Marrazzo ha sottolineato che «abbiamo scelto di sostenere questo percorso del Comune per i primi due anni, ma abbiamo chiesto ulteriori approfondimenti sui costi». Comunque, «usciamo da questo incontro con una logica comune: da oggi c’è una certezza, cioè che Roma punta a livelli virtuosi di raccolta differenziata. È una grande svolta della quale ringrazio Alemanno».
La Regione ha messo a disposizione 35 milioni in totale a sostegno delle imprese che investano sul riciclaggio, «anche questo - ha detto Marrazzo - è un modo per spingere la raccolta differenziata e il trattamento delle materie prime». Dal canto suo, Alemanno, al termine dell,’incontro ha spiegato che «a fronte di una nuova disponibilità in bilancio da parte della Regione, il Comune è pronto a lavorare con Ama per raggiungere tra il 35 e il 45 per cento di differenziata nel 2013». «Anche per noi la raccolta differenziata è l’obiettivo privilegiato - ha aggiunto il sindaco - la Regione ha recepito il nostro stimolo e l’accordo di oggi ci fa avviare un percorso comune fino alla sigla di un vero e proprio protocollo sulla differenziata. Già nel 2009 - ha concluso - a Roma ci sarà un aumento del 3 per cento che porterà la differenziata al 20 per cento: un livello mai raggiunto nella storia di Roma».