Intesa L’ipotesi: cedola invariata

Intesa Sanpaolo, come ha detto l’ad Corrado Passera, deciderà sul dividendo solo «più avanti». In attesa dei consigli, c’è però l’indicazione «in via convenzionale» che si ricava dal calcolo del patrimonio di vigilanza della banca al 30 settembre. Il calcolo stima per il 2010 una cedola invariata sul 2009. Il patrimonio di vigilanza, che ammontava a 44,41 miliardi a fine settembre, «tiene conto - si legge infatti nella relazione sui conti dei primi nove mesi - oltre che del risultato dell’operatività ordinaria, anche di una stima dei dividendi da pagarsi a valere sull’utile 2010»: a fine settembre 774 milioni, in linea con la cedola 2009. Il direttore generale Marco Morelli ha poi confermato l’interesse verso la Polonia, dove Intesa Sanpaolo è in corsa per acquisire Polbank dalla greca Efg Eurobank.