Intesa prende Carifirenze e si rafforza in Toscana

Intesa Sanpaolo ha perfezionato ieri la permuta di 398.904.617 azioni ordinarie proprie con 334.090.969 azioni ordinarie Carifirenze detenute dall’Ente Carifirenze, Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, Fondazione Cassa di Risparmio di La Spezia e Sofibar, pari al 40,3 per cento del capitale dell’istituto fiorentino.
Il gruppo guidato dall’amministratore delegato Corrado Passera ha così acquisito il controllo di Carifirenze, venendo a detenere complessivamente il 58,9 per cento del capitale, per effetto della permuta avvenuta ieri e della quota già detenuta (18,6 per cento circa).
Pertanto, Intesa Sanpaolo promuoverà un’offerta pubblica di acquisto sulla totalità delle azioni di Carifirenze con diritto di voto non detenute, corrispondente al 41,1 per cento del capitale sociale dell’emittente, presentando a Consob non oltre diciannove giorni da oggi il documento d’offerta.