Intesa Sanpaolo Di 750mila euro il bonus 2008 per l’ad Passera

Si assottiglia, ma resiste, il «bonus» per i vertici di Intesa Sanpaolo. L’amministratore delegato, Corrado Passera, riceverà per l’esercizio 2008 - chiuso, ricordiamo, con 2,5 miliardi di utili, ma senza distribuzione di dividendo - 750mila euro di «premio», la metà di quanto gli era stato elargito lo scorso anno. Il direttore generale, Francesco Micheli, riceverà 625mila euro, il 50% dei 1.253 relativi all’esercizio 2007. Lo ha deciso ieri il consiglio di sorveglianza. Invariato lo stipendio «fisso»: 1,5 milioni a Passera, 1,25 a Micheli. Per entrambi ci sono «benefici non monetari», rispettivamente, di 311 e di 95mila euro. Il consiglio, ieri, ha approvato i criteri di assegnazione ai dipendenti della parte variabile dello stipendio, che si divide in due: la parte concordata con i sindacati, che riguarda impiegati e quadri, resta intatta. La parte cosiddetta «premiante» (il bonus), che riguarda tutte le categorie di dipendenti, è stata ridotta della metà. Da questa norma derivano i premi dimezzati ai top manager.