Per Intesa Sanpaolo, SocGen e Unicredit impatto modesto da problemi nell’Est

La crisi delle economie dei Paesi dell’Est colpirebbe in modo relativamente modesto Unicredit, Intesa Sanpaolo e SocGen. È l’esito di uno stress test di Merrill Lynch, consultato da Radiocor, che considera il possibile impatto sui gruppi bancari dell’Europa Occidentale di una forte crisi nell’Est, arrivando a una stima complessiva di ipotetiche perdite totali per 43 miliardi. Il report fissa come obiettivo di prezzo 3,3 euro per Unicredit, 3,7 per Intesa Sanpaolo e 56 per Socgen. Si tratta di uno stress test, precisa il report della banca d’affari pubblicato ieri, non di uno scenario-base ed è calcolato prima dell’impatto di qualsiasi concessione normativa che potrebbe ridurre le eventuali perdite delle banche.