Intesa, vertice alla prova degli Enti

La Compagnia sceglie Zich e Ferrero. Iozzo verso la vicepresidenza

da Milano

Gli equilibri al vertice di Intesa Sanpaolo tengono banco nel mondo delle Fondazioni azioniste. A patire dalla Compagnia di Sanpaolo che ha deciso ieri di indicare «esclusivamente» uomini esterni ai propri uffici. La partita è ora ufficialmente affidata al presidente Franzo Grande Stevens, ma una breve riunione del comitato di gestione sarebbe stata sufficiente per convergere sull’economista Mario Deaglio, l’ex rettore del Politecnico Rodolfo Zich e il commercialista Ferrero.
Una terna di torinesi doc ricostruita dall’agenzia Ansa ma Deaglio è poi chiamato fuori declinando la designazione della Compagnia. Interpellato sulla questione, l’economista piemontese non ha voluto commentare ma il suo posto sarà probabilmente preso da un altro esponente del mondo accademico. Contrariamente alle previsioni, resta in panchina l’attuale vicepresidente Carlo Callieri (prima considerato tra i più accreditati per la carica di vicepresidente del comitato di gestione della nuova banca). Escluso al momento anche l’amministratore delegato di Piazza San Carlo, Alfonso Iozzo che sarebbe però destinato essere indicato da un altro Ente e sedere sulla poltrona di vice presidente: il banchiere è stato uno dei primi ad appoggiare il cammino di avvicinamento a Milano. Oltre ai rappresentanti della Compagnia di Sanpaolo è previsto infatti un secondo ventaglio di nomi da concordare con le altre Fondazioni azioniste (Carisbo e Cariparo).
Grande Stevens indicherà l’imprenditore Pierluigi Loro Piana e un esponente della famiglia industriale Guala di Alessandria ma per per completare la lista, l’obiettivo è chiudere entro il 15 novembre, ieri pomeriggio si sarebbe svolto un altro incontro. E non è poi escluso che il tema delle nomine sia affrontato a breve anche in un summit allargato ad altri grandi azionisti, con la Fondazione Cariplo, le Generali e il gruppo Lombardo.
In palio ci sono sia gli equilibri del consiglio di sorveglianza che sarà presieduto da Giovanni Bazoli, sia del comitato di gestione affidato all’amministratore delegato Corrado Passera con Enrico Salza come presidente.