Le intese di Parmalat con le banche convincono Lehman

Si riaccendono i riflettori sul titolo Parmalat. Ieri il gruppo di Collecchio ha guadagnato il 3,47% a 2,41 euro dopo che Lehman Brothers ha alzato il prezzo obiettivo a 3,57 euro. Gli analisti della banca d’affari americana stimano, inoltre, che Parmalat possa distribuire un dividendo di 18 centesimi per azione (ovvero un rendimento del 7,4% ai prezzi attuali), in netto rialzo rispetto agli 0,025 euro della cedola 2006. A ridare fiato al titolo sono stati i recenti accordi raggiunti con Intesa Sanpaolo, Cariparma e Biverbanca per complessivi 396 milioni. Con questa operazione Parmalat ha recuperato solo il 18% delle somme richieste ai tre istituti, ma gli analisti vedono di buon auspicio l’accordo perché indebolisce la posizione delle altre banche in causa.