Intra pianista alle Scimmie «Break in Jazz», ultimo atto

Franco Fayenz

Malgrado le temperature autunnali dei giorni scorsi, alcuni club milanesi rispettano il calendario e chiudono per l’estate. Così, salvo avvenimenti d’eccezione, la Salumeria della musica, il Caffè Doria e i Jazz Days presso l’Hotel Principe di Savoia.
Più aperte che mai, invece, sono Le Scimmie di via Ascanio Sforza 49 che festeggiano i loro 25 anni di attività (il compleanno ricorre domani). Fra le iniziative ad hoc spiccano un cd doppio con molti musicisti che hanno suonato nel locale; e l’istituzione di due diversi concerti ogni sera, uno alle 20.30 nel barcone che "oscilla leggero" nel Naviglio Pavese e l’altro alle 22.30 nella sala da concerto. Questa sera propone "rock progressivo" il trio Aimetti-Tagliavini-Vismara e poi si esibisce al pianoforte Enrico Intra in un programma di sue composizioni. Nei prossimi giorni sono da segnalare il trio di Mario Rusca e la voce di Aida Cooper (domani); il duo Casali-Di Dio e il canto di Laura Fedele (dopodomani); il trio di Massimo Colombo e una terza pregevole voce, quella di Patrizia Conte (giovedì).
Break in Jazz (oggi, mercoledì e venerdì dalle 13 alle 14 in piazza Mercanti) si conclude questa settimana con Trumpet no end a cura di Emilio Soana; Time Percussion a cura di Tony Arco e infine la Civica Jazz Band diretta da Enrico Intra con Gianni Basso al sax tenore.
Al Blue Note (via Borsieri 37, ore 21 e 23.30) è di scena domani e mercoledì Rachel Z, voce e pianoforte, in trio con Marve Royce basso e Bobby Rae batteria. Dopo una sera privata, venerdì 9 giugno ritorna (soltanto alle 23.30) il pianista cubano Omar Sosa.
Venerdì alle 21, al Teatro Gassman di Gallarate, Giorgio Gaslini al pianoforte e l’Orchestra Camerata dei Laghi eseguono musiche di Gaslini, Ives, Sun Ra e Coltrane: noterole specialmente la prima assoluta di Interno Intorno di Gaslini.