Introvigne e i preti pedofili

«Pedofilia anche nella Chiesa? Il dolore del Papa e l'attacco della lobby laicista» è il tema della conferenza di Massimo Introvigne al Sacro Cuore e San Giacomo di Carignano, che si terrà questa sera alle 21. L’incontro è organizzato da Alleanza cattolica nelle persone di Francesco Bellotti, Marco Dufour, Carlo Martelli e Valentino Zanin. Introvigne, sociologo, ha pubblicato «Preti Pedofili - La vergogna, il dolore e la verità sull'attacco a Benedetto XVI» (Edizioni San Paolo).
Professor Introvigne c'è qualche soluzione?
«Per incominciare si deve dire che i preti pedofili ci sono, e chiedersi perché ci sono e perché c'è propaganda».
Statistiche sui preti pedofili?
«Il più approfondito studio è del 2004 in USA commissionato dalla Conferenza episcopale al John Jay College of Criminal Justice - City University di New York, la più autorevole istituzione accademica in criminologia. Mostra che ci fu un'impennata di casi negli anni Sessanta con picco nei Settanta. In USA, in 52 anni, i sacerdoti accusati di pedofilia sono stati 958, 18 l'anno, 54 le condanne. Dal 2002 al 2010 dati in decrescita ma se non si raggiunge lo zero ha ragione il Papa ad essere severissimo denunciando il crimine abnorme».
I preti sono più a rischio di altre categorie?
«A fronte di un centinaio di sacerdoti americani in una statistica del 2002 accusati per abusi sessuali, un numero di circa 6mila professori di ginnastica e allenatori di squadre giovanili (spesso sposati). I due terzi delle molestie sessuali su minori (rapporto del 2004) viene da familiari: patrigni, zii, cugini, fratelli, genitori».
Qualche esempio di manipolazioni dei media?
«Un fatto del 1976 cui fa riferimento il documentario dell'ottobre 2006 della BBC "Sex Crimese and the Vatican". Riproposto il 31 maggio del 2007 in "Anno Zero" da Santoro presenta l'autore, l'irlandese O' Gorman, vittima di abusi da parte di un sacerdote morto suicida: prima del processo. Santoro omette di dire che è militante gay e un politico bocciato alle elezioni. Piaccia o non piaccia, l'81% di sacerdoti accusati di pedofilia sono omosessuali».
Un innocente condannato?
«Don Giorgio Govoni della Bassa Modenese, parroco accusato di guidare un gruppo di satanisti pedofili da un'assistente sociale che affermò di avere 13 bambini testimoni. Don Giorgio schiattò d'infarto all'arringa del Pm, la sua memoria fu riabilitata in appello a Bologna nel 2001 con l'assoluzione di tutti i coimputati».