Investe quattro ragazzi e scappa «Ero inseguito»

Ha investito quattro ragazzi ai bordi della strada, causando loro ferite gravi, e poi è scappato. Solo 12 ore dopo si è presentato dai carabinieri dicendo che stava scappando da una banda di rumeni e non si era accorto dell’investimento plurimo. Una storia poco verosimile per giustificare un incidente che ha avuto gravi conseguenze per almeno due delle persone coinvolte. È successo alle 4 di ieri mattina a Madone, nel Bergamasco: due ragazzi di 16 e 17 anni di Filago insieme a due ragazze di 15 e 16 camminavano ai bordi di via Carso, rientrando dalla discoteca «Sabbie mobili evolution» quando, in un tratto poco illuminato, sono stati investiti da un’auto, che poi non si è fermata.
Scattato l’allarme, sul posto è intervenuto il 118, che ha portato i due ragazzi al Policlinico di Zingonia: entrambi sono in gravi condizioni, la prognosi è riservata. Le ragazze sono invece al Policlinico di Ponte San Pietro, dove sono state medicate e dimesse con prognosi di 15 giorni. I carabinieri di Brembate hanno subito avviato le indagini per risalire al pirata della strada. Che si è costituito nel pomeriggio alla caserma dei carabinieri di Calcinate, ai quali ha raccontato che andava veloce perché scappava da una banda di rumeni che volevano aggredirlo, ha sentito un botto ma non si è accorto di avere investito qualcuno. L’automobilista è stato denunciato per omissione di soccorso.