Inviare e conservare i dati personali? Nel 2007 si è perso mezzo miliardo

In una società dove ogni azione è registrata, controllata e monitorata è importante delimitare precisamente i confini della privacy. Questo è fuor di dubbio, ma quanto costa alle imprese tutelare la riservatezza di dipendenti, clienti e fornitori? Nel 2007 la spesa si è aggirata attorno a 2,2 miliardi di euro. La cifra maggiore (500 milioni) se ne va per la trasmissione e la conservazione delle informative relative ai dati personali, ma ben di più (566 milioni) sono spesi per l’ottenimento del consenso (295 milioni) e per l’aggiornamento del Documento programmatico sulla sicurezza (271 milioni), un testo che ogni anno deve riassumere le politiche aziendali sull’adeguato trattamento dei dati personali. Un trattamento costoso considerato che per quello elettronico si spendono 340 milioni e per quello non elettronico 256. Altri 450 milioni sono rappresentati dalla formazione e dall’aggiornamento del personale. I 75 milioni per le notifiche al Garante della privacy, a questo punto, rappresentano solamente una goccia nel mare.