Inviati in Giappone per il G-8 La Rai batte Mediaset 40-2

Non si sa chi sia l’«uomo ragno» di turno, certo è lo sgarbo all’industria di caffè... che ora va per vie legali. L’uno di fronte all’altro l’ex governatore del Friuli Riccardo Illy (nella foto) e An. Dicevamo dello sgarro all’industria di caffè: in piena corsa per le ultime politiche, Sergio Dressi, segretario di An apre il sito «Illyflop», blog dalle finalità puramente elettorali. Il fatto è però che nello stesso periodo in cui il sito resta aperto, l’azienda Illy, di proprietà della famiglia dell’ex governatore, che aveva già lamentato l’irregolarità per l’uso di un marchio depositato, vede una contrazione degli affari con un calo di vendite stimato in 180 tonnellate di caffè. Si vedranno in tribunale. «Erano solo critiche politiche, l’azienda non è mai stata citata. La verità è che Illy non sa perdere con stile» risponde Dressi. Resta il caffè amaro di An: rischia di costare 450mila euro...