Invito a palazzo nelle residenze private dell’Isola dei Cavalieri tra feste e musica

Ai più fortunati può capitare di avere come cicerone il Marchese Nicholas de Piro in persona, nono discendente di una antichissima casata maltese. Ma è sempre una scoperta emozionante per il turista poter visitare una parte delle 50 stanze di Casa Rocca Piccola (www.casaroccapiccola.com), l'aristocratica dimora-museo al 74 di Republic Street a La Valletta, ancor oggi abitata dai nobili de Piro. Originariamente proprietà di Don Pietro La Rocca, ammiraglio e cavaliere di Malta, questo sontuoso palazzo del XVI secolo conserva mobili, pitture, argenteria e offre uno spaccato unico e irripetibile sugli usi e costumi della nobiltà maltese degli ultimi 400 anni. Si visitano la cappella, la sala da pranzo invernale e quella estiva, una camera da letto, la biblioteca, il salottino con le foto di famiglia e si ha l'impressione di cominciare a capire qualcosa in più di Malta e del suo passato: le origini, le invasioni straniere, l'epopea irripetibile dei Cavalieri, i retaggi della dominazione britannica. Casa Rocca Piccola, per quanto emblematica, è solo una delle numerose dimore storiche e residenze private aperte ai turisti. Merita una visita anche Palazzo Parisio (www.palazzoparisio.com), quasi una Versailles in miniatura, celebre per i suoi giardini all'italiana. Costruito nel 1733 dal Gran Maestro Manoel de Vilhena è oggi residenza della Baronessa Christiane Ramsay Scicluna e si trova a Naxxar, nel centro dell'isola di Malta. A Rabat invece Georges e Josette Magri aprono volentieri le porte della loro Casa Bernard per far ammirare il maestoso piano nobile e lo squisito «garigor» (scala a chiocciola in pietra) che conduce alla torre di avvistamento. Un ultimo capolavoro del bello è Palazzo Falson. In stile siculo-normanno, risale al 1495 e contiene una grande varietà di oggetti, dall'argenteria maltese a quadri di Poussin. Si trova a Mdina, l'antica capitale maltese, detta la «città del silenzio» per l'atmosfera delle sue stradine e caratteristica per gli edifici costruiti con la tipica pietra color ocra, la globigerina. Qui si può trascorrere un soggiorno da sogno al The Xara Palace (www.relaischateaux.com, camera doppia da 200 euro). Nei prossimi mesi le buone occasioni per andare nell'isola dei Cavalieri non mancano: dal Ghanafest (29 maggio) dedicato alla musica tradizionale alla Festa di San Pietro e Paolo (27 e 28 giugno): un misto di religione, folclore, musica, cibi e colori; al Malta Art Festival in luglio. Air Malta (www.airmalta.it) assicura voli giornalieri da Roma, Milano, Bologna, Verona e Catania. Pacchetti «tutto compreso» per long weekend a partire da 555 euro. Per informazioni: Ente del turismo maltese, www.visitmalta.it.