Io, cittadino dimissionario

(...) Chissà... ora potrei fare come quella famiglia di rom assegnataria di un alloggio pubblico che ha risolto il problema: le auto le ruba e guai a contestarglielo (ne sanno qualcosa i Carabinieri).
Ora mi chiedo: alla regina degli zingari, intestataria di conti postali milionari, hanno chiesto la presentazione del modulo Isee? O forse dovrebbero chiedergli l’estratto dei conti postali milionari?
Alla famiglia di via Torricelli dovrebbero, invece, chiedere l’estratto del casellario giudiziale dell’intera famiglia.
Alle tante famiglie rom alle quali è stato assegnato un alloggio pubblico, per i quali sono quasi tutte morose, viene chiesto il rispetto del pagamento dell’affitto?
Certamente no... mentre io, vivendo in una camera in sub-affitto, ho dovuto fare richiesta per avere la residenza presso i Servizi sociali, il tutto per non essere un «fantasma» nella mia città!
Quando io versavo, oltre alle normali tasse, anche le addizionali comunali e regionali, non ho mai chiesto a Comune e Regione se i miei soldi erano usati per me e la mia comunità o invece per pagare le ristrutturazioni e le morosità degli alloggi pubblici assegnati ai rom che, di tasse, non hanno mai pagato un euro.
Provo una grande amarezza per tutto ciò che mi sta capitando e mi chiedo solo se i rappresentanti del Comune non provino almeno un po’ di vergogna per il loro comportamento.