«Io, consigliere azzurro, snobbato da Repetto»

Tutti gli scontri, minuto per minuto, con il presidente della Provincia

Sempre più difficile comunicare con il Presidente Repetto, il quale pretenderebbe non venisse contestato nulla circa la sua amministrazione della Provincia in relazione alle delibere stabilite dalla Giunta: infatti, di questi tempi, rivela ancora meno volontà di un confronto con l'altra parte che in precedenza. Francamente, tra i tanti «consigli» che è solito suggerirmi mi permetto ossequiosamente, nel mio piccolo e da liberale, di rivolgergliene uno io: non si fa così! Ben due Assessori con il Presidente, per confortarsi, nella seduta in Commissione sulla pratica di «Nua Natua» presentata ai Consiglieri, compresi quelli di minoranza che rivendicano il proprio diritto-dovere di potersi esprimere liberamente, anche in forma contraria, accesa e polemica, su quanto gli viene sottoposto. Io sono tra questi e continuerò a svolgere tale ruolo fino al termine del mandato: il Presidente se ne faccia una ragione. Più volte sono intervenuto sull'argomento, considerando che gli sforzi economici prodotti si sono tramutati in sprechi, compreso l'impiego dei fondi europei a disposizione, a fronte di un risultato fortemente scadente, per non dire pessimo e sotto gli occhi di tutti. Proprio per questo generale imbarazzo, l'anno scorso, dopo vivaci discussioni, da parte della Giunta c'era stata un'apertura alla collaborazione ed alla proposizione di idee che potesse coinvolgere tutti, per trovare soluzioni ragionevoli su un tema di difficile gestione: il Complesso Polifunzionale «Nua Natua» in località Vallegrande. Ma in Commissione è stata presentata una delibera già precotta e stabilita nell'affidamento della gestione (che inizialmente doveva essere provvisoria in attesa di una definizione di più ampio respiro) e nell'impiego delle ulteriori risorse che, temo, andranno a sommarsi a quelle già sprecate. Certo, questa è una facoltà pienamente legittima della Giunta, come il Presidente non ha mancato di evidenziare in maniera insofferente, tanto legittima che allora avrebbe anche potuto fare a meno di concedere questo atto di «correttezza politica», riunendoci solo per prenderne atto. In più verrà effettuato un sopralluogo il 29 maggio: ma i sopralluoghi non si fanno prima, per vedere e determinare qualcosa successivamente? Inoltre il tentativo di zittire la minoranza, facendo apparire le critiche come una mancanza di rispetto verso l'operato dei Tecnici del settore, è stato davvero di scarsa consistenza. Però visto che, seppure con precise osservazioni, veniamo accusati di essere «profeti di sventura» nel dire che sarà l'ennesimo fallimento, non voglio entrare nel merito e mi limito soltanto a sottolineare come, naturalmente, non siano state tenute in considerazioni le perplessità più volte sollevate. La campagna elettorale nazionale sarà anche finita, Presidente Repetto, ma quella per le amministrative deve ancora iniziare e le scelte operate non saranno più pazientemente esaminate solo dalla Giunta Provinciale, ma verranno valutate, «certamente», dagli elettori. Nel frattempo, aspetto fiducioso.
Vice Capogruppo
Forza Italia in Provincia