«Io come la Cuccarini il più amato dagli italiani»

A mali estremi, estremi rimedi. Dopo settimane di indiscrezioni sulle sue reali intenzioni, la portavoce nazionale de La Destra, Daniela Santanchè (nella foto), esce allo scoperto e avvia la raccolta di firme per la mozione che presenterà al congresso del partito, fissato per novembre. Una mossa che, in pratica, la candida alla segreteria ora di Francesco Storace. E del resto distanti sono le posizioni dei due leader principali: fautrice convinta dell’ingresso nel Pdl lei, deciso a mantenere l’autonomia lui. «Io non mi candido a fare il segretario del partito al posto di Storace», aveva detto la Santanchè. Ma aveva detto anche che proprio al congresso avrebbe giocato il tutto per tutto nel tentativo di far passare la propria linea, quella cioè dell’ingresso de La Destra nel Pdl, in vista dei prossimi appuntamenti elettorali, a cominciare dalle Regionali d’Abruzzo.