IO DIESSINO ORA VOTO A DESTRA

Ciao Massimiliano, non ci conosciamo di persona, ma più volte ci siamo scritti, confrontati e simpaticamente stuzzicati sulle questioni calcistiche della città.
Solo una volta siamo entrati, o meglio, abbiamo, ho sfiorato la «politica».
Era l’estate della promozione del Genoa.
Era l’estate della busta (non valigetta) con il pre contratto di Maldonado etc etc.
In quell’occasione ricordo, a riguardo del disegno, anche politico, che secondo me c’è dietro quella storia, feci l’accostamento Berlusconi – toghe rosse, con Preziosi – toghe, a mio dire, blucerchiate.
Io, Genoano, di sinistra, come tu mi definisti, notavo e capivo certi denunce di accanimenti giuridici, quando dall’una o dall’altra parte ci fossero (e c’erano) degli interessi al di fuori della legge.
Bene.
Oggi entro a piedi uniti (calcisticamente parlando) sulla «politica».
Io, Diessino, oggi, domani, spero davvero di votare, e lo farò a destra.
Sarà forse un voto di protesta, sarà forse un voto di testa .
Io, Diessino e D’Alemiano, apprezzo le parole del leader Massimo, e non lo accuso assolutamente di aver trasformato (...)