Io nel mezzo tra Palombo e Lussana

Analisi di una stagione blucerchiata che rischia di mettere in pericolo questa volta la mia di incolumità.
Nel vortice Samp ora non ci sono Novellino, Marotta, Garrone e giocatori ma semplicemente io, Stefania.
Perfetta sconosciuta per tanti ma non per Angelo Palombo e per Massimiliano Lussana. Al primo mi lega un vincolo di parentela al secondo un rapporto di lavoro.
Niente di strano chiaramente! E no… qualcosa di strano c'è invece. Perché da quando il mio capo-redattore ha osato «scrutinare» il mio compaesano (siamo entrambi di Frosinone) nonché parente acquisito, sottolineando che Palombo rimane Palombo e Emerson resta Emerson, ha scatenato le ire di due «clan» familiari. (...)