«Però io non darò mai l’appoggio al Professore»

da Torino

«Io non voterò mai la fiducia al governo Prodi, a meno che non metta come oggetto la libertà del Nord e il federalismo fiscale. Per il resto si rivolga a Rifondazione, Verdi e Comunisti italiani». Così il vice presidente del Senato Roberto Calderoli (nella foto) ha risposto sul possibile voto di fiducia al governo sulla questione Afghanistan. «Un conto è il voto sul merito - ha aggiunto Calderoli -, un conto è la fiducia all’esecutivo. Non accetto che mi si chieda di sostenere la missione in Afghanistan e poi se ne vanno a braccetto con i signori degli hezbollah. Bisogna essere coerenti». Calderoli ha poi aggiunto: «Sarò presente a quella votazione per vedere se la sinistra franca lo è solo nelle piazze e poi abbassa la coda e le orecchie e vota la fiducia, o se, coerentemente, toglie la fiducia a questo governo»