Ip e Cup, doppio corteo con disagi in centro

Doppio sciopero e doppio corteo con disagi per il traffico ieri a Genova. Uno sciopero di quattro ore con corteo e presidio di protesta dei lavoratori genovesi della Ip si è svolto ieri mattina contro il trasferimento a Roma della sede della società, a seguito della fusione con Api. Uno spostamento che secondo quanto già annunciato dalla proprietà avrà come conseguenza 25 esuberi dei 46 dipendenti della Ip. Il corteo è partito da piazza della Vittoria, dove si trovano le sedi di Eni e di Ip, ed ha raggiunto piazza De Ferrari percorrendo la centrale via Venti Settembre. Alla manifestazione secondo quanto spiegato dal segretario regionale Filcem-Cgil Lucio Ottino hanno partecipato in segno di solidarietà anche numerosi dipendenti dell'Eni.
Un giorno intero di sciopero, con manifestazione partita poco dopo le 9 da piazza Caricamento verso piazza De Ferrari, è stato invece indetto dai lavoratori del Cup Liguria, il centro unico di prenotazione delle visite ed accertamenti sanitari. Passando sotto le finestre del presidente del consorzio che riunisce le tre cooperative che gestiscono il Cup, in via Gramsci, i manifestanti, quale segno di protesta, hanno cantato «Bella ciao» accompagnandola con un violino. L'agitazione era stata confermata al termine del confronto con le centrali cooperative che gestiscono il Cup, la settimana scorsa.