«Ipotesi» e conferme su Maria

Dopo Ipotesi su Gesù e i successivi libri dedicati alla passione e alla resurrezione di Cristo, Vittorio Messori torna in libreria con un volume interamente dedicato alla figura della Madonna. S’intitola Ipotesi su Maria (Edizioni Ares, pagg. 536, euro 18), sarà in distribuzione nei primi giorni di novembre e raccoglie, con rivisitazioni e aggiunte, il «taccuino mariano» che lo scrittore ha tenuto dal 1995 al 2000 sul mensile dei paolini Jesus. Molte delle oltre cinquecento pagine del libro di Messori sono dedicate alle apparizioni di Lourdes e alle guarigioni miracolose di malati che si sono recati presso la grotta di Massabielle. Un caso tra questi, peraltro già ben noto, colpisce particolarmente e si lega in qualche modo a un’altra indagine dello scrittore divenuta un libro di successo. È la storia di un giardiniere belga, Peter van Rudder, il quale il 16 febbraio 1867, a causa della caduta di un albero ebbe la gamba sinistra spezzata sotto il ginocchio. Entrambe le ossa, tibia e perone, risultarono fratturate e i due tronconi erano separati tra loro da ben tre centimetri di vuoto. In totale, dunque, mancavano sei centimetri di osso, che si erano frammentati e provocavano sofferenze indicibili. Molti medici, tra i quali l’illustre Thiriart, chirurgo della casa reale belga, visitarono il giardiniere e non potendo in alcun modo risolvere la sua situazione proposero di amputare la gamba. Van Rudder però, ostinatamente, rifiutava l’operazione, nonostante le sofferenze che la frattura insanabile gli procurava. La sua pervicacia era determinata dall’incrollabile fede: era infatti convinto che ci avrebbe pensato la Madonna, l’Immacolata apparsa a Lourdes alla piccola Bernadette Soubirous. Il 7 aprile 1875, otto anni dopo il grave incidente che lo aveva lasciato storpio, con le ossa rotte che spuntavano tra la carne ormai incancrenita, il giardiniere riesce finalmente a partire per la cittadina di Oostaker, dove nel frattempo era stata realizzata una copia esatta della grotta di Lourdes. La sua situazione è diventata drammatica e i testimoni raccontano che dalla piaga usciva pus maleodorante. Davanti alla statua della Vergine, che ricalca quella della grotta di Massabielle, l’uomo si sente pervadere da «una specie di rivoluzione». Getta le stampelle e riprende a camminare, improvvisamente guarito. La relazione, stilata dai medici curanti di van Rudder, afferma che «la gamba e il piede, assai gonfi, hanno ripreso di colpo il volume normale» e che «le piaghe in cancrena appaiono cicatrizzate». E soprattutto che «la tibia e il perone fratturati si sono ricongiunti, malgrado la distanza che li separava»: la saldatura risulta completa e le gambe sono di nuovo di lunghezza uguale. Il giardiniere sarebbe vissuto in perfetta salute per altri 23 anni. Sei centimetri d’osso, dunque, ricresciuti improvvisamente. Un episodio che richiama un altro miracolo mariano, quello di Calanda, indagato da Messori nel libro Il miracolo: una gamba amputata che viene riattaccata. Ipotesi su Maria, quasi un taccuino di viaggio per approfondire la figura della Madre di Dio e il suo manifestarsi in modo così misterioso e inspiegabile nelle vicende umane, ha lo stile inconfondibile di Vittorio Messori. «I motivi di fondo di questa opera - ha detto lo scrittore - sono due: innanzitutto, dimostrare che si può essere devoti della Madonna senza cadere in atteggiamenti sdolcinati, in secondo luogo, sottolineare che, come diceva un’antifona purtroppo abolita dalla riforma liturgica, Maria è nemica di tutte le eresie. E siccome oggi il vero problema continua a essere quello di una fede cattolica sempre in bilico, riscoprire la mariologia equivale a riscoprire l’ortodossia, perché nei dogmi mariani, a saperli leggere, c’è la difesa e la base del vero cattolicesimo».

Vittorio Messori racconterà in anteprima il suo nuovo libro questa sera alle ore 21, presso il Salone Pio XII in via S. Antonio a Milano, su invito dell’Oftal (Opera federativa trasporto ammalati a Lourdes).