Ipotesi riciclaggio Perquisita la sede dell’istituto

Commerzbank finisce nell'occhio del ciclone nelle indagini della magistrature tedesca sul riciclaggio di denaro sporco con la Russia. La terza banca tedesca è stata infatti coinvolta nello scandalo portato a galla dagli inquirenti di Francoforte e Zurigo sul trasferimento di asset pubblici russi in fondi di investimento attraverso la creazione di apposite società di comodo. L'inchiesta che è così arrivata direttamente negli uffici dell'istituto, perquisiti per due giorni, il 19 e 20 luglio scorsi, e ha portato alle dimissioni di uno dei membri del consiglio di amministrazione della banca, Andreas de Maiziere, responsabile tra il 1999 e il 2004 delle attività nell'Europa centro-orientale. L'allontanamento volontario deciso da de Maiziere la scorsa settimana era stato motivato con ragioni personali ed aveva colto di sorpresa gli ambienti finanziari tedeschi, che ora però cominciano a ricostruire il puzzle.