Irak Ancora bombe contro gli sciiti: almeno 41 morti

Nuova strage di sciiti in Irak. Due autobombe sono esplose vicino a un gruppo di pellegriniche stavano lasciando la città santa di Kerbala dopo il rito dell’Arbain, facendo almeno 41 morti e 144 feriti. L’attentato è avvenuto nel culmine delle celebrazioni per la morte del nipote di Maometto, Hussein, a cui partecipano un milione di pellegrini sciiti su cui vigilano ben 30mila poliziotti e soldati.
Si tratta del terzo attacco anti-sciita in questa settimana (i precedenti due, lunedì e mercoledì, avevano fatto 40 e 20 vittime) mentre resta alta la polemica sull’esclusione (poi sospesa) di 500 candidati sunniti dalle elezioni politiche del 7 marzo.