Irak, assolto Tareq Aziz Libero l'ex vice Saddam

L'ex braccio destro di Saddam Hussein assolto dal tribunale speciale per i crimini di guerra: era accusato insieme ad altri 7 gerarchi di aver favovorito l'esecuzione di 42 uomini d'affari nel '92. Terza condanna a morte per "Alì il chimico"

Bagdad - È stato assolto stamani dal Tribunale speciale iracheno (Tsi) l’ex vice primo ministro Tareq Aziz, accusato assieme ad altri sette gerarchi del deposto regime, di aver favorito l’esecuzione di 42 commercianti e uomini d’affari nel 1992 a Baghdad. Lo riferisce la tv di Stato irachena con una scritta in sovrimpressione. Nello stesso processo, la corte ha emesso quattro condanne a morte per altrettanti ex gerarchi del regime di Saddam Hussein tra i quali, Alì Hassan al Majid, meglio conosciuto come "Alì il chimico". Secondo l’agenzia irachena, "la Corte ha predisposto la liberazione di Tareq Aziz". Nel 2003, all’indomani della caduta di Bagdad, Aziz si era consegnato "spontaneamente" alle forze Usa che lo hanno tenuto nel carcere Usa all’aeroporto internazionale di Bagdad.

Le condanne Sono stati assolti, oltre a Tareq Aziz, tre importanti dirigenti baatisti: Ugla Abd Saqer, Ibrahim Saheb e Sayf al Din al Mashhadani. Gli imputati sono accusati di esser responsabili dell’uccisione nel 1999 di sciiti durante le proteste popolari scoppiate nelle regioni meridionali del Paese in seguito all’uccisione dell’allora autorità religiosa sciita Muhammad Sadeq al Sadr.

Terza condanna a morte per "Alì il chimico" Nello stesso processo ha ricevuto la sua terza condanna a morte Alì Hassan al Majid, noto come "Alì il Chimico". Dal 26 gennaio, Aziz è imputato anche in un altro processo assieme ad altri 15 ex dirigenti del deposto regime, tra cui due fratellastri di Saddam Hussein e lo stesso al Majid, con l’accusa di essere responsabili dell’uccisione e deportazione di curdi sciiti iracheni all’inizio degli anni ’80.