Irak, autobomba a Baquba: 40 morti

Attentato a nordest di Bagdad, saltato in aria un isolato: i feriti sono almeno 70. Altre 13 vittime a Ramadi

Bagdad - Un’autobomba è esplosa oggi nella città di Baquba, a nordest di Bagdad, uccidendo 40 persone e ferendone 70. Lo hanno indicato i servizi di sicurezza e la polizia. L’attacco, messo a segno da un kamikaze alla guida di un’autobomba, è avvenuto nel centro della città, nei pressi del governatorato della provincia di Diyala, di cui Baquba è il capoluogo e dove è forte la presenza di Al Qaida. Tra le vittime, secondo quanto riferisce l’agenzia Nina, ci sono diversi agenti delle forze di sicurezza e un ufficiale della polizia stradale. L’esplosione ha devastato un’ intero isolato, distruggendo numerose automobili, ha aggiunto l’agenzia senza fornire al momento ulteriori dettagli.

Ramadi Un kamikaze alla guida di un’autobomba ha attaccato un ristorante alla periferia occidentale di Ramadi, un centinaio di chilometri a ovest di Baghdad, uccidendo almeno 13 persone e ferendone altre 14. Lo ha denunciato il capo della polizia cittadina, generale Tareq al-Youssef. Ramadi, capoluogo della provincia irachena di al-Anbar, fino al 2006 è stata la principale roccaforte delle milizie sunnite legate a Al Qaida; queste ultime ne sono poi state cacciate con un’intensa campagna anti-guerriglia guidata dalle truppe Usa, e da allora la situazione vi è ritornata relativamente sotto controllo.