Iran, Berlusconi: "Attenti alle follie su Israele"

Il premier a Parigi davanti all'associazione ebraica Keren Hayesod paragona Ahmadinejad a Hitler: "Attenti a chi dice di cancellare Gerusalemme dalla carta geografica. Non crediamo siano minacce reali, ma diceva così anche un tizio che all'inizio sembrava democratico"

Parigi - Berlusconi contro Ahmadinejad: è come Hitler. "Credo che dovremo avere tutti la massima e assoluta attenzione nei confronti delle follie di chi addirittura arriva a dire, magari soltanto per ragioni politiche interne, che bisognerebbe cancellare Israele dalla carta geografica. Queste sono cose a cui noi dobbiamo avere il senso che hanno e non crediamo siano reali però già una volta c’era un tal signore che all’inizio sembrava un democratico e che poi ha fatto quel che ha fatto e voi purtroppo sapete a chi mi riferisco". Questo un passaggio dell’intervento di Silvio Berlusconi davanti ai membri dell’associazione ebraica Keren Hayesod, a Parigi, dove è stato premiato come "Personalità dell'anno".

Attenti all'Iran Il presidente del Consiglio fa un riferimento indiretto alle dichiarazioni del presidente iraniano Ahmadinejad. "Quindi noi - ha aggiunto il presidente del Consiglio - dobbiamo avere grandissima attenzione e io l’ho detto a tutti i miei colleghi a cominciare dal presidente George Bush. Però - ha proseguito - guardando al secolo che abbiamo alle spalle, dobbiamo dire di essere fortunati perchè quel secolo è stato davvero insanguinato da due ideologie terribili: da un lato il comunismo, che credendo di poter portare la Gerusalemme celeste in terra, ha portato soltanto miseria, terrore e morte nei paesi dove è andato al potere; e dall’altra parte il nazismo che, basandosi su questo concetto assurdo della prevalenza di una razza, ha provocato gli istinti più bestiali degli uomini e ha prodotto quelle tragedie di cui voi siete state le prime vittime".