Iran contro Berlusconi: "Un servo di Israele" E Frattini difende l'Italia

Teheran contro il premier: &quot;Servigi fatti ai padroni israeliani&quot;. Il ministro degli Esteri: &quot;Saremo sempre leali all’alleanza con i Paesi democratici&quot;. Ronchi: <strong><a href="/con_liran_non_puo_esserci_dialogo/05-02-2010/articolo-id=419361-page=0-comments=1">&quot;Iran, impossibile il dialogo&quot;</a></strong>

Teheran - Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha reso una "serie di servigi ai padroni israeliani" con le dichiarazioni fatte durante la sua visita in Israele. Lo ha affermato il sito in italiano della radiotelevisione di Stato iraniana. "Dopo aver sparato dichiarazioni decisamente discutibili sull’Iran - afferma il sito - il premier italiano è arrivato a dire che la guerra contro Gaza fu giusta, calpestando così i cadaveri di 1.400 civili palestinesi uccisi l’anno scorso da Israele durante tre settimane di folli bombardamenti". Berlusconi, si aggiunge nel commento, "durante il suo discorso ieri alla Knesset ha completato tutta la serie di servigi fatti ai padroni israeliani", dopo che, "prima e durante la visita in Israele aveva rivolto all’Iran tutte le accuse possibili, ad iniziare da quella di voler sviluppare armi nucleari".

"La guerra contro Gaza" "E davanti al parlamento israeliano", aggiunge, il premier "si è davvero superato definendo "esempio di democrazia e liberta'" il regime israeliano, nato con la forza bruta sulla terra altrui e che si è macchiato dei crimini più orrendi e che da 3 anni ha assediato e murato un milione e mezzo di persone a Gaza". L’emittente Iris lamenta anche il fatto che il premier italiano abbia "definito giusta la guerra contro Gaza" e "sventolato con orgoglio il no dell’Italia all’Onu al rapporto Goldstone che condannava i crimini di guerra israeliani a Gaza".

Fini: "Usa apprezzano la linea di Berlusconi"
"Il vice presidente Usa Biden ha apprezzato quello che ha detto Berlusconi in Israele nei confronti di Teheran". Lo ha precisato Fini. Il presidente della Camera ha avuto un colloquio lungo oltre un’ora con il numero due dell’amministrazione Usa a Washington. Fini ha aggiunto che Biden ha anche dato una valutazione molto positiva sull’impegno che l’Italia sta garantendo a livello internazionale e in particolare il ruolo dei soldati in Afghanistan".

Frattini: "Siamo al servizio dei nostri valori" "Noi siamo al servigio dei nostri valori e dei nostri ideali. Questi dicono che l’Olocausto è stata la più grande tragedia dell’umanità". Lo ha sottolineato il ministro degli Esteri, Franco Frattini, rispondendo ad una domanda sulle accuse di "servigi ai padroni israeliani", avanzate oggi dalla tv di stato iraniana contro il premier Berlusconi. "Confermiamo che Israele è uno Stato libero e democratico che dev’essere difeso", ha aggiunto parlando con i cronisti a Perugia. Frattini ha spiegato che era immaginabile una reazione iraniana alle parole pronunciate dal presidente del Consiglio davanti alla Knesset. "Noi", ha assicurato, "saremo sempre leali all’alleanza con l’Europa, con gli Stati Uniti con i Paesi democratici, con i Paesi del mondo arabo che non vogliono la bomba atomica iraniana". "Se l’Iran dalle parole passa ai fatti e consente l’arricchimento dell’uranio fuori dal Paese, come alcune volte era sembrato voler fare, noi lo apprezzeremo con grande favore", ha concluso il ministro degli Esteri.