Iran, via l'ambasciatore a Roma

Abolfazl Zohrevand paga il "fallimento" della recente visita di Ahmadinejad a Roma in occasione del vertice della Fao. Il diplomatico sarebbe accusato di non essere riuscito ad ottenere nessun incontro
di rilievo con esponenti del governo e dell’opposizione

Roma - È stato rimosso Abolfazl Zohrevand, l’ambasciatore iraniano in Italia. Lo scrive il sito Tabnak, vicino all’ex comandante dei Pasdaran, generale Mohsen Rezaii, e solitamente ben informato sulle manovre del regime. La notizia non giunge tuttavia inaspettata: da tempo a Teheran circolavano voci sulla rimozione di Zohrevand, ritenuto persona non gradita al ministro degli Esteri, Manouchehr Mottaki.

Ma a dare il colpo di grazia alla credibilità del diplomatico sarebbe stato il fallimento della recente visita a Roma del presidente Mahmoud Ahmadinejad, in occasione del vertice della Fao. Zohrevand sarebbe infatti "accusato" di non essere riuscito ad ottenere nessun incontro di rilievo con esponenti del governo e dell’opposizione. Sull’operato del diplomatico, inoltre, secondo Tabnak, sarebbe stata già stata aperta un’inchiesta al ministero degli Esteri.