Iran, porta a spasso i cani: 30 frustate

Un 70enne è stato
condannato a 30 frustate e a 4 mesi di reclusione
perché portava a spasso i suoi tre cani in un parco pubblico
creando "paura" tra la gente

Teheran - Un uomo di 70 anni è stato condannato a 30 frustate e a quattro mesi di reclusione in Iran perchè portava a spasso i suoi tre cani in un parco pubblico, creando in tal modo "paura" tra la gente.

La campagna moralizzatrice Il cane è un animale "impuro" per l’Islam. Nell’ambito di una campagna moralizzatrice lanciata dalla polizia iraniana a partire dell’anno scorso, sono stati sanzionati non solo donne considerate troppo scoperte o giovani maschi che sfoggiavano un taglio di capelli all’occidentale, ma anche persone che portavano a spasso i loro amici a quattro zampe.

Cane troppo rumoroso Il fatto riferito ora dal giornale è avvenuto a Shahr-e-Rey, un sobborgo popolare a sud-est di Teheran. Alcuni abitanti della zona si erano recati alla polizia per protestare contro la presenza nel parco dei tre cani nelle prime ore del mattino, quando molte persone erano impegnate nello jogging o in altri esercizi fisici. Qualcuno avrebbe riferito che uno degli animali aveva anche morso alla gamba un bambino. Gli agenti hanno quindi arrestato il proprietario dei cani, che è stato processato e giudicato colpevole di "disturbo dell’ordine pubblico", con la relativa pena corporale e alla reclusione.