Iran, silurato l’ambasciatore a Roma

Silurato l’ambasciatore iraniano a Roma, Abolfazl Zohrevand. La notizia è trapelata ieri sul sito Tabnak, vicino all’ex comandante dei Pasdaran, Mohsen Rezaii, di solito ben informato sulle manovre di Teheran. Non c’è ancora una conferma ufficiale e sul sito dell’ambasciata Zohrevand continua ad ammiccare con una sua foto e un messaggio di benvenuto. Fonti della rappresentanza diplomatica, però, ammettono che l’ambasciatore è stato rimosso. Ci vorranno almeno due mesi per l’insediamento del successore. Secondo il sito iraniano Zohrevand è caduto definitivamente in disgrazia a causa del fallimento della visita a Roma del presidente Mahmoud Ahmadinejad, in occasione del vertice Fao. L’ex pasdaran non è riuscito ad incontrare un solo politico di rilievo della maggioranza o dell’opposizione. A parte l’europarlamentare di Forza nuova, Roberto Fiore. La colpa è stata scaricata sull’ambasciatore, già in rotta di collisione con il ministro degli Esteri Manoucher Mottaki. Il ministero avrebbe addirittura aperto un’inchiesta a suo carico. Zohrevand, forte dell’amicizia personale con Ahmadinejad, ha sempre sostenuto di rispondere solo al presidente.