Iraq, giornata di sangue: 80 morti

Bagdad - Un'ottantina di persone sono morte oggi in Iraq in una serie di episodi di violenza avvenuti tra Bagdad, Falluja e altre località vicine della provincia di Al-Anbar, secondo quanto hanno reso noto fonti irachene. In una cruenta battaglia avvenuta ad appena 5 chilometri da Falluja il comando iracheno ha annunciato di avere ucciso 39 insorti appartenenti ai gruppi iracheni vicini a Al Qaida. Negli scontri hanno perso la vita anche nove miliziani tribali e otto poliziotti iracheni, secondo le stesse fonti.

Autobomba Sempre vicino a Falluja, un'autobomba esplosa in un villaggio ha provocato la morte di 10 persone e il ferimento di altre sette. Una serie di attacchi e di attentati nella capitale Bagdad ha provocato quasi 20 morti. Cinque civili sono stati dilaniati da un'autobomba nei pressi di una stazione di polizia nel centro della città. Tre morti e sette feriti sono stati provocati da un'altra autobomba nel quartiere di Karrada. Nella zona nord-orientale di Al-Ubaidi una terza autobomba esplosa davanti a una moschea ha ucciso un uomo e ne ha feriti altri tre. A Abu Dsheer, a sud della capitale, sette civili sono rimasti uccisi e 20 feriti in un bombardamento di artiglieria.