Irina Ionesco, scatti d’orgoglio al femminile

La Galleria 70 di via della Moscova 27 ospita la personale di Irina Ionesco, fotografa franco-romena affermata a livello internazionale e interprete sensibile di una femminilità decadente e fatale che suscitò scandalo già dagli esordi della sua carriera, nel 1965. Esposta fino al 31 gennaio 2006 una selezione di circa venti immagini d’epoca e recenti, rigorosamente in bianco e nero, raffiguranti donne bellissime, agghindate e truccate come barocchi personaggi di una rappresentazione teatrale, in pose statuarie, innaturali, oniriche come quelle ritratte da Man Ray a inizio Novecento, che enfatizzano il ruolo eccessivo e drammatico all’interno della narrazione artistica. È indagato tutto il percorso professionale della Ionesco, che torna a Milano dopo la sua partecipazione al MiArt nel 2003. Il suo insolito, surreale elogio alle donne, poste sempre al centro di una scena ricca di particolari e simboli - frange, piume, pizzi, stoffe stampate e tessuti plissé - col passare degli anni si è concesso uno stile più lineare e sintetico, trasformazione frutto anche delle influenze della cultura giapponese subite dall’artista negli ultimi anni.
La mostra è a ingresso libero. Orari: 10-13.30 e 16-19.30; chiuso domenica e lunedì. Per informazioni telefonare 02-6597809.