Irruzione all’alba: 160 irregolari fermati in due aree dismesse

Polizia e carabinieri hanno sgomberato l’ex Valmonte a Cinisello e i magazzini di via Boncompagni a Milano

Sicurezza e legalità hanno fatto da il filo conduttore alle due maxi operazione effettuate dalle forze dell’ordine contro l’immigrazione clandestina a Cinisello Balsamo e nell'ex magazzino di via Boncompagni 101 a Milano. Oltre 160 gli stranieri fermati, in gran parte di etnia romena: 126 persone di varia età.
In particolare per i residenti di via Matteotti a Cinisello, il blitz all'interno dell'area dell'Ovocoltura Valmonte in viale Brianza ha rappresentato un modo per tornare a dormire sonni tranquilli. I migliaia di metri quadrati dove, nella prima metà del Novecento era stato realizzato un allevamento di galline, erano infatti stati trasformati in terra di nessuno, i clandestini avevano trovato rifugio la notte e dove le prostitute ricevono i clienti. Ottanta i poliziotti, i carabinieri, gli agenti della polizia locale e i volontari dell’associazione nazionale carabinieri impegnati per ripristinare la legalità all'interno dell'ex pollaio.
Alla luce di uno speciale pallone aerostatico montato su un mezzo della vigilanza urbana, le forze dell’ordine hanno fatto irruzione nell’area Valmonte sorprendendo nel sonno i centinaia di irregolari, molti dei quali già mandati via dall’ex aree Falck. In mezzo a sterpaglie, rifiuti ed edifici in parte diroccati, 82 stranieri tra donne, bambini e uomini la maggior parte romeni, 63 per la precisione. In una culla costruita con degli stracci, dormiva un bambino di appena dieci giorni. Undici i minori trovati negli alloggi abusivi, ricavati nelle casupole dove un tempo vivevano le galline. Innumerevoli le famiglie rom che alla vista degli uomini guidati dal vicequestore Stefano Silvestris hanno tentato la fuga. Tutti sono stati accompagnati in questura: i bambini e una ventina di donne sono invece stati prima rifocillati dai volontari della Cri. Nelle ville dove un tempo c'erano gli uffici, gli agenti hanno trovato galline, centinaia di borsette e numerose biciclette e moto di grossa cilindrata smontate e private delle targhe.
Contemporaneamente un centinaio di uomini in divisa hanno fatto irruzione nell’ex magazzino di via Boncompagni 101, nella periferia sud est di Milano. Anche qui sono stati trovati decine di clandestini: 80 per la precisione, di cui 63 rumeni. Anche loro finiti in questura per l’identificazione e l’eventuale provvedimento di espulsione.