Ischia, gli assolo dei mandolini

da Milano
Mandolini, chitarre, arpe e clavicembali: anche quest’anno gli strumenti a pizzico saranno i protagonisti del Festival internazionale intitolato al compositore e operista Silvestro Palma che debutterà mercoledì nella suggestiva cornice della costiera ischitana. Direttori artistici, nonché ideatori, dell’iniziativa sono due giovani musicisti, il chitarrista Antonio Pilato e il mandolinista Fabio Gallucci, diplomati a Napoli e Parigi: «In Italia gli strumenti a pizzico sono spesso trascurati dalle grandi manifestazioni - spiega Pilato -, solo gli appassionati li apprezzano. Così abbiamo pensato di creare questo festival, per farli conoscere meglio a tutto il pubblico». La sonorità delicata di mandola, mandolini e chitarre echeggerà mercoledì sera nella navata della Chiesa di Sant’Antonio alla Mandra (località Ischia Ponte) nel concerto inugurale Musica... dentro le parole, con brani di Dimitri Nicolau, Antonello Paliotto, Luca Iacono. «Ispirati dai versi di grandi poeti come D’Annunzio, Nicolau e gli altri hanno composto appositamente dei brani molto evocativi che combinano otto strumenti e una voce recitante».
Seguiranno altri quattro eventi. Venerdì 14 si esibirà il Guitar Project Trio con le proprie composizioni originali. Domenica 16 protagoniste saranno le melodie spagnole interpretate da flauto e chitarra, mentre lunedì 17 saranno di scena i ritmi dell’America Latina ma anche delle nostre danze regionali, dal saltarello alla tarantella, con mandolino, chitarra e contrabbasso. Per la giornata conclusiva, martedì 18, il Maurizio Di Fulvo trio si esibirà nel concerto Sincopato con garbo, con brani di Carlos Santana, Pat Metheny e dello stesso Di Fulvio.
La partecipazione a tutti gli eventi è gratuita.