Iscrizioni: aperte le porte delle università

Università multietniche. Mercoledì prossimo si aprono le preiscrizioni per gli studenti stranieri extracomunitari residenti all’estero che vogliono frequentare un corso di laurea in Italia il prossimo anno accademico. Le domande vanno presentate entro il 4 giugno presso i Consolati italiani, indicando il corso e l’università prescelta. Dal 2 maggio sarà anche possibile scoprire online, collegandosi al sito del Ministero dell’Università, quanti posti sono stati messi a disposizione da ogni ateneo (www.stranieriinitalia.it).
Piccoli stranieri in tv. Parte un nuovo canale tivù per i bambini stranieri con l’obbiettivo di favorire l’integrazione con fiabe e ricette. Il progetto, che mira a trovare un terreno comune tra bambini di etnie diverse, è la sfida della scuola di oggi. Sul Canale satellitare in chiaro Rai Edu 1, parte «Divertitaliano», progetto nato da una collaborazione tra Rai Educational e Ministero della Pubblica Istruzione. In Italia ci sono 430mila alunni stranieri. In settembre se ne prevedono 500mila. (www.ild.rai.it/?t=14).
Lavoro nero. L’Osservatorio di Milano ha chiesto al Governo un decreto urgente per regolarizzare gli immigrati che lavorano senza permesso di soggiorno. Secondo l’Osservatorio, gli irregolari con lavoro in Italia sono oltre 250mila: 35mila a Roma, 30mila a Milano, 10mila a Napoli, Palermo e Bari. Sono lavoratori senza tutela, che lavorano in nero. I più sono soggetti agli infortuni sul lavoro, non hanno facoltà di stipulare contratti di locazione, non possono accedere al Servizio Sanitario Nazionale e spesso i loro figli non vengono accettati nelle scuole.