Islam, diverbio Aznar-Moussa

Cernobbio. Forse la colpa è la non perfetta conoscenza dell'inglese di entrambi. Forse no. Sta di fatto che il fuori programma più inatteso, al Convegno Ambrosetti di ieri a Cernobbio, lo hanno fornito l’ex premier spagnolo José Maria Aznar e il segretario generale della Lega araba Amre Moussa.
Aznar, che era uno dei relatori della mattinata, durante il suo intervento ha parlato di terrorismo «islamico». Un aggettivo che ha fatto saltare in piedi il segretario generale della Lega araba. Moussa ha interrotto il discorso di Aznar e con tono risentito gli ha detto che «il terrorismo è terrorismo» e che quella di Aznar era un'offesa al mondo islamico.
Certo, non bisogna generalizzare, anche se tutti i grandi attentati dall’11 settembre 2001 in poi, compresa la strage alle stazioni di Madrid, sono opera di terroristi islamici. Aznar,comunque, si è in parte corretto. Ma un po' di tensione è inevitabilmente rimasta.