Ispettore genovese anti terrorismo

Diego Pistacchi

Navi e porti sicuri? A dirlo sarà un genovese. Un ufficiale della capitaneria di porto scelto dall’Unione Europea come super ispettore antiterrorismo. Vincenzo Paolo Leone è tenente di vascello e ha solo 34 anni. È il più giovane ufficiale che girerà l’Europa per controllare che le misure di sicurezza rispettino le normi stabilite da Bruxelles. Ma la sua esperienza in fatto di «security» in mare è stata considerata indispensabile a livello comunitario al termine di lunghe selezioni, prima nazionali poi europee, che hanno portato a individuare i 30 ispettori abilitati ai controlli su base sovranazionale.
In cosa consiste il suo ruolo, lo chiarisce lo stesso Leone. «All’interno del corpo delle Capitanerie svolgo già un lavoro da ispettore - spiega -. Certifichiamo le navi battenti bandiera italiana e i nostri porti. Ma l’Europa ha emanato regolamenti più rigidi in materia di sicurezza e intende verificare che vengano applicati dai singoli stati. Così manda ispettori selezionati a controllare le procedure e il rispetto delle norme in Paesi diversi da quello di origine. Capita cioè che un italiano e un tedesco debbano verificare navi e porti francesi e viceversa». Si tratta, in sostanza, di un controllo ulteriore rispetto a quello effettuato su base nazionale.
Vincenzo Paolo Leone sarà così chiamato a svolgere missioni all’estero. Anche nel massimo segreto. «Chiaramente i controlli devono restare riservati fino all’ultimo - aggiunge -. L’Unione europea richiede il nostro intervento al comando generale delle capitanerie di porto con 8 settimane d’anticipo e il luogo della missione non può essere rivelato. Per questo, durante le selezioni, è stato tenuto in considerazione anche il grado di segretezza cui siamo abilitati ad accedere». Resterà di stanza a Genova, il tv Leone, ma oltre ai circa cento giorni di missione all’anno per conto della guardia costiera italiana («andiamo a ispezionare le navi della nostra bandiera anche se si trovano all’estero», specifica), sarà sempre pronto a partire anche per ordine europeo. Sempre con l’incarico di garantire la sicurezza contro il terrorismo.