Ispettori Aler e poliziotti aggrediti dagli abusivi

Alberto Giannoni

Due agenti di polizia e quattro ispettori Aler aggrediti da occupanti abusivi (arrestati). È successo ieri in via Preneste, zona San Siro, ormai teatro, troppo spesso, di un'illegalità dilagante. I sindacati denunciano «azioni all'ordine del giorno» e parlano di un «gravissimo clima di illegalità diffuso» e di «soggetti che vivono costantemente al di fuori della legalità». Nelle periferie serve una svolta anti abusivismo: «Una vera e propria piaga sociale - dice Pietro Tatarella di Forza Italia - la violenza nei confronti degli operatori Aler è una conseguenza diretta del clima di illegalità dovuto alla presenza degli occupanti irregolari, al proliferare del fenomeno delle occupazioni abusive, che colpisce soprattutto i cittadini più bisognosi». «Il fenomeno delle occupazioni è in costante crescita: nei primi tre mesi del 2016 - prosegue Tatarella - le occupazioni abusive sono aumentate con allarmante regolarità, arrivando a sfiorare i 3.100 casi, 150 occupazioni in più rispetto allo stesso periodo del 2015. Ai cittadini non resta che aggrapparsi alla nuova legge regionale, che si prefigge l'obiettivo di contrastare l'abusivismo». «Dopo l'occupazione della sede Aler di viale Romagna - dice un altro consigliere azzurro, Alessandro De Chirico - è il secondo grave episodio in due giorni. Il neo sindaco e gli assessori hanno già l'occasione di prendere le distanze da queste persone che negli scorsi anni sono state libere di agire nell'illegalità». «Nella Milano di Sala la musica non cambia» constata invece l'ex vicesindaco Riccardo De Corato (Fdi).