Israele Sul sito di Kadima ecco il Papa con svastica

Una svastica sul Papa, il simbolo del nazismo sull’immagine di Benedetto XVI. L’intemperanza di alcuni militanti israeliani stava per innescare una sgradevolissima polemica tra il Vaticano e i vertici di Kadima, il partito della signora Tzipi Livni attuale ministro degli Esteri e premier designato alla formazione del nuovo governo. Per spegnerla è intervenuta personalmente la stessa Livni ordinando con toni furibondi la rimozione dell’immagine da Yalla Kadima, un sito web gestito dai suoi sostenitori. L’imbarazzante fotomontaggio illustrava un articolo che rilanciava le accuse nei confronti di Pio XII, il Pontefice accusato di non esser intervenuto per fermare l’Olocausto. L’aspirante premier, già costretta a chiedere due settimane di proroga per portare a termine la formazione del nuovo governo, non ha gradito l’aggressività dei suoi militanti. Voci del partito raccontano d’urla e toni assai irritati di fronte a un’immagine che rischiava di gettar fango anche sulla sua immagine di leader. «Tzipi Livni condanna con tutte le sue forze questo gesto e si è immediatamente attivata per rimuovere la vergognosa immagine. Quella foto non rappresenta Kadima e tutti noi la condanniamo fermamente», ha dichiarato il portavoce Amir Goldstein. Subito dopo l’intervento della Livni la svastica è scomparsa e l’immagine è stata sostituita dalla foto di un sorridente Papa Ratzinger ripreso sullo sfondo del Vaticano.