Istanbul: la Ferrari vola ancora Felipe Massa in pole position

Formula 1. Giro capolavoro del pilota brasiliano della "rossa" nelle qualifiche del Gp della Turchia. Dietro di lui si sono piazzati Kovalainen ed Hamilton su Mclarean, quarto tempo per l'altro ferrarista Raikkonen

Istanbul - Felipe Massa si conferma dominatore a Istanbul. E' sua, in 1'27"617, la pole position del quarto Gp di Turchia, la 11/a della carriera, ed è la terza di fila che il brasiliano ottiene all'Istanbul Park, dove non a caso ha vinto la sua prima gara nonché il Gp dello scorso anno. Se il buon giorno si vede dal mattino, per Massa è una splendida giornata: sullo sfondo un fantastico tris.

In un giorno in cui la McLaren si conferma fortissima e unica vera rivale, ma è comunque dietro di lui. Secondo infatti si è qualificato il finlandese Heikki Kovalainen in 1'27"808, terzo il britannico Lewis Hamilton, 1'27"923, insomma molto molto vicine le frecce d'argento. Quarta l'altra Ferrari di Kimi Raikkonen, 1'27" 936. Poi in serie la Bmw Sauber di Robert Kubica, la Red Bull di Mark Webber, la Renault di Fernando Alonso, la Toyota di Jarno Trulli, la Bmw di Nick Heidfeld, la Red Bull di David Coulthard. Per la Ferrari è la 198/a pole position di sempre, la terza della stagione, dopo quelle di Massa in Malesia e di Raikkonen in Spagna. Insomma, in Turchia il rosso è ancora il colore che va per la maggiore: e i soli piloti a vincere a Istanbul finora sono stati Massa e Raikkonen, al primo Gp, sebbene quando ancora indossava la tuta McLaren. Insomma, il Bosforo porta bene al Cavallino. Ed è indubbio che sulle piste a guida antioraria (oltre a Istanbul solo la natia San Paolo), Massa evidentemente ha qualcosa in più degli altri.

Più lenta dello scorso anno (era stata ottenuta in 1'27"329), la pole di quest'anno sconta le temperature più fredde e la pioggia caduta a sprazzi in questi due giorni del fine settimana. Però nel momento buono si é visto Massa lanciato da Alonso nel suo giro di ingresso andare a riprendersi la pole che provvisoriamente Kovalainen gli aveva strappato. Nelle due eliminatorie che hanno determinato il gruppo dei partecipanti alla lotteria per la pole il più veloce era stato Massa in 1'25"994, davanti a Hamilton e Raikkonen. Eliminate la Williams di Kazuki Nakajima, la Renault di Nelson Piquet, la Toro Rosso di Sabastien Bourdais, le Force India F1 di Giancarlo Fisichella e Adrian Sutil. Il romano, che deve scontare la penalità di tre posizioni in griglia per essere uscito ieri nelle libere col semaforo rosso, partirà comunque ultimo.

I penalizzati, dopo il ritiro della Super Aguri, sono scesi da sei a cinque sia in Q1 che in Q2: nella seconda prova sono stati esclusi dalla lotta per la pole Nico Rosberg, Williams, Rubens Barrichello, Honda, che non ha festeggiato al meglio il record di presenze nei Gp di F.1 (257), Jenson Button, sempre Honda, Sebastian Vettel, Toro Rosso, e Timo Glock, Toyota. Il più veloce è stato Raikkonen in 1'26"050 su Robert Kubica, Bmw Sauber, e Massa. Che poi, appunto, si è confermato.

"Un giro eccezionale" "Sono riuscito a fare un giro veramente eccezionale. Ce l'ho messa tutta e sono riuscito a riscaldare al meglio gli pneumatici. Sono molto felice per aver conquistato un'altra volta la pole qui". E' raggiante il pilota brasiliano della Ferrari Felipe Massa subito dopo aver conquistato la sua terza pole consecutiva nelle ultime tre stagioni sul circuito di Istanbul e per domani promette una grande gare. "Mi piace moltissimo questo circuito - ammette Massa nella conferenza stampa Fia dopo le qualifiche - Speriamo di fare la gara migliore possibile, per domani ho grandi aspettative anche se gli avversari sono molto forti. Speriamo di trovare l'assetto giusto e fare il massimo".