Istat, disoccupazione in calo Ma aumentano gli inattivi

Nel secondo tremestre del 2007 è cresciuto il numero degli occupati:
+0,5% rispetto all'anno scorso. Il tasso di disoccupazione scende al
5,7%, con una flessione dello 0,8% rispetto ad aprile-giugno 2006. Ma aumentano gli inattivi

Roma - Nel secondo trimestre dell’anno in 111mila hanno trovato lavoro. Scende così il tasso di disoccupazione, che cala al 5,7%, con una flessione dello 0,8% rispetto ad aprile-giugno 2006. Nel periodo considerato il numero di occupati era pari a 23.298.000 unità, lo 0,5% in più rispetto allo stesso periodo del 2006, con un tasso di occupazione stabile al 58,9%. In termini destagionalizzati, comunica l’Istat, l’occupazione è aumentata dello 0,4% rispetto al primo trimestre. Il tasso di disoccupazione si è attestato al 5,7%, a fronte del 6,5% del secondo trimestre 2006, con una riduzione di un decimo di punto rispetto al i trimestre. L’occupazione aumenta solo al Nord (+0,7%) e al Centro (+2%) ma scende al Sud (-0,9).

Ma aumentano gli inattivi "Fondamantalmente - dicono i ricercatori - il tasso di disoccupazione cala per il forte senso di scoraggiamento" degli italiani che "non cercano il lavoro perché pensano di non trovarlo". Conseguenza di ciò è che "l’inattività aumenta fortemente soprattutto nel Sud". I più colpiti sono i giovani fino a 29 anni che proseguono gli studi e gli adulti che non proseguono l’azione di ricerca.