Istat, il pil italiano nel 2010 cresciuto dell'1,1%

Riprende a crescere l'economia italiana. Dopo che il 2009 si era chiuso con un segno negativo e una contrazione del 5,1%, l'anno scorso ha visto un miglioramento del prodotto interno lordo. Nel quarto trimestre i dati parlano di un +0,1%, con un rallentamento rispetto ai trimestri precedenti

Roma - Il pil italiano è cresciuto dell’1,1% nel 2010. Lo comunica l’Istat ricordando che il 2010 ha avuto una giornata lavorativa in più rispetto al 2009 che si era chiuso con una contrazione del 5,1%. La crescita acquisita per il 2011 è pari allo 0,3%. Nel quarto trimestre dell’anno scorso l’incremento del prodotto interno lordo è risultato pari allo 0,1% rispetto al trimestre precedente e all’1,1% rispetto allo stesso periodo del 2009. L’aumento congiunturale del pil è il risultato di un aumento del valore aggiunto dell’agricoltura e dei servizi e di una diminuzione del valore aggiunto dell’industria. Il quarto trimestre del 2010 ha avuto due giornate lavorative in meno rispetto al trimestre precedente e lo stesso numero di giornate lavorative rispetto al quarto trimestre 2009. Nel quarto trimestre il pil è aumentato in termini congiunturali dello 0,8% negli Stati Uniti ed è diminuito dello 0,5% nel Regno Unito. In termini tendenziali, il pil è aumentato del 2,8% negli Stati Uniti e dell’1,7% nel Regno Unito.