Istat, in salita il deficit:8% del Pil nel trimestre

L'indebitamento netto delle Amministrazioni Pubbliche sale rispetto al dato corrispondente dell'anno scorso, quando era fermo al 7%

Nel primo trimestre del 2012 cresce l'indebitamento netto delle Amministrazioni Pubbliche, pari all'8% del Prodotto Interno Lordo. Il dato, nel trimestre corrispondente dell'anno scorso, era più basso, fermo al 7%. Il saldo primario del primo trimestre (indebitamento al netto degli interessi passivi) è stato negativo, pari a 11.471 milioni di euro. Ha inciso del -3% sul Pil.

Pari a -21.952 milioni di euro il saldo corrente (risparmio), che nel trimestre corrispondente dell'anno precedente era stato di -17.120 milioni di euro, con un’incidenza  sul Pil di -5,8%. 

In aumento le uscite totali in termini tendezialie (+1,3%). Cresciute del 2,6% le uscite correnti, diminuite del 19,9% quelle in conto capitale.

Le entrate totali del primo trimestre dell'anno sono calate dell'1,0% in termini tendenziali., quelle correnti sono diminuite dello 0,2%. Sui dati ha pesato l'aumento della spesa per gli interessi correlati al rendimento dei titoli di Stato, aumentato nel 2011 e il calo delle entrate per l'andamento negativo dell'economia.

Commenti
Ritratto di scandalo

scandalo

Mer, 04/07/2012 - 11:31

Alla faccia del bicarbonato di sodio !! naturalmente si guardano bene di fornire il dato disaggregato , che immagino sarà 4% centronord e un bel 16% al sud !!

Roberto Casnati

Mer, 04/07/2012 - 14:05

Come dire la medicina è peggore del male. La gran parte della spesa pubblica si "dissolve" in stipendi ai dipendenti pubblici a tutto scapito degli investimenti dei quali il nostro paese ha bisogno assoluto se vuole sopravvivere. Ma no i sindacati si oppongono a qualsivoglia ipotesi di riduzione della spesa pubblica proteggendo, di fatto, posizioni assolutamente parassitarie e.g. gli 11000 forestali della Calabria, i 250 "deputati" della regione Sicilia, le voragini sanitarie di Puglia, Calabria e Campania, l'abusivismo edilizio che continua imperterrito coperto da un pubblico impiego corrotto e collaterale alle mafie. Si stima che al sud ci siano oltre 1 milione di vani e case abusive e, per questo, non censite, ma i comuni dove le costruzioni sono state realizzate che hanno fatto sino ad ora? Nulla perchè proprietari delle case abusive sono gli stessi dipendenti pubblici. Ma Monti non aveva detto di avere una mappa precisa degli abusi? Che si aspetta a provvedere? Essì ch'è facile!

Massimo Bocci

Mer, 04/07/2012 - 15:53

Signori,...ma avete visto che indici ??? Per un paese fallito e moribondo!!!! Tutti si chiedono come faccia ancora a respirare (un vero miracolo a dispetto del medico curante), ma i cloni (medici?? Golpisti!!) Stanno studiando come dargli l'ultimo (salasso) quello mortale.

egi

Mer, 04/07/2012 - 16:39

Cosa si aspettavano, se aumentano le tassazioni si consuma meno e si produce meno, non c'è bisogno di essere un bocconiano, basta un buon padre o madre di famiglia per capirlo, si comprende anche che razza di ignoranti oramai sfornano le università.

dino46

Mer, 04/07/2012 - 17:35

Non ci vuole nessuna laurea ne diploma ma basta saper "leggere,scrivere e far di conto"; cala il PIL ma non cala la spesa pubblica (anzi!!!!) quindi il disavanzo non può che crescere. Ma non disperiamo perchè "il peggio non è mai morto".

Ritratto di scandalo

scandalo

Mer, 04/07/2012 - 17:54

#4 egi... guardi che si è laureato alla bocconi nel 65 quindi può dire tranquillamente SFORNAVANO le università !!

Ettore41

Mer, 04/07/2012 - 19:04

#6 scandalo. Mi permetta di puntualizzare. In quegli anni le Universita' che contavano erano La Sapienza di Roma, Il Politecnico di Torino e l'universita' di Milano. Tutte le altre erano Universita' di secondo ordine, dove laurearsi era "piuttosto facile". Il Bocconiano Monti non fa eccezione.

Ritratto di scandalo

scandalo

Mer, 04/07/2012 - 21:40

#7 Ettore41...se è per questo anche ora alla bocconi è facie laurearsi... basta pagare la retta naturalmente !! diciamo come il cepu o no ??

Ritratto di scandalo

scandalo

Mer, 04/07/2012 - 21:47

un CONSIGLIO a tutti gli imprenditori :.. NEL MALAUGURATO CASO CHE ABBIATE ALLE VOSTRE DIPENDENZE UN LAUREATO ALLA BOCCONI LICENZIATELO SUBITO !!ANCHE A COSTO DI PAGARGLI 100 MENSILITA' !! E' UN PERICOLO PUBBLICO SE GLI DATE AUTONOMIA QUESTO VI DISTRUGGE L'AZIENDA !!!!

Ritratto di scandalo

scandalo

Mer, 04/07/2012 - 21:57

#5 dino46... #4 egi avete pienamente ragione questo è soltanto un *******E !! la sua ignoranza è DISARMANTE e DEPRIMENTE !!