«Istiga alla violenza» Espulso l’imam di Torino

da Torino

È stato notificato ieri all'imam di Torino, Mohamed Kuhaila, 44 anni, un decreto di espulsione per motivi di ordine e sicurezza pubblica. Il religioso musulmano aveva destato scandalo già all'inizio dello scorso anno quando fu accusato nella trasmissione televisiva di Raidue Annozero di diffondere sermoni fondamentalisti in una moschea in via Cottolengo, vicino a Porta Palazzo. Il programma di Michele Santoro mandò in onda le immagini riprese con una telecamera nascosta mentre l'imam nella moschea predicava violenza verso gli atei, incitava alla guerra santa e giustificava la segregazione delle donne. Il video - trasmesso nella puntata del 29 marzo dedicata alla condizione femminile nella cultura islamica e in cui era stato affrontato il tema delle moschee come possibili luoghi di predicazione della jihad - mostrava fondamentalisti impegnati in propaganda all'interno della moschea e l'incitazione dell'imam ai musulmani a non integrarsi con cristiani ed ebrei, considerati infedeli.